Haul

Ordine Bella Naturale ✿ Presentazione e-store & review

Konbanwa, bellezze! ❤

Sono le 21.15 locali e vi sto scrivendo mentre lasciamo Tokyo per Kyoto, la seconda tappa del nostro viaggio. Ci stiamo muovendo in treno e siamo seduti nella comoda e lindissima carrozza di uno shinkansen.

Il wi-fi funziona magnificamente (leggi e impara, Trenitalia…) ed essendo impossibilitata a osservare il paesaggio dal finestrino, ho deciso di tirare fuori il portatile e mettermi a scribacchiare.

Abbiamo cenato poco fa con due deliziosi ekiben (la versione on the road degli obentō, pieni di giapponeserìe culinarie varie) ed è noto come a stomaco pieno si lavori sempre meglio. 😀

7701922300_2b1581bd9c_k.jpg

(Anche la birra perché sì 😀 )

La distanza da percorrere è di circa 600 chilometri e, udite udite, ce la faremo in meno di tre ore. Non sapete che strano utilizzare l’indicativo anziché il condizionale per parlare del tempo impiegato da un mezzo pubblico deputato a condurci da A a B. In Giappone non è necessario azzardare ipotesi al riguardo. Una cosa è e basta, soprattutto quando si parla di bullet trains.

Cartina alla mano, ci stiamo muovendo alla velocità media di 285 km/h in direzione sud-ovest. I’M IN LOVE. 😊

Kyoto, il cui nome vuol dire semplicemente “capitale”, ha storicamente svolto questa funzione prima che la corte imperiale decidesse di trasferirsi a Tokyo, “la (nuova) capitale dell’Est”. Proprio per questo sono molto ansiosa di mettervi piede e di documentare fotograficamente quando vedrò. Se finora ci siamo confrontati con la prima metropoli del paese, adesso ci aspetta un ritorno (anacronistico) al periodo Edo. L’incontro con le geisha (che nel dialetto di Kyoto si chiamano geiko) o, con più probabilità, le maiko (le apprendiste), è tra le cose che mi incuriosisce di più.

Qualcuno mi ha chiesto come stesse J. e sono felice di rispondervi che si è ripreso abbastanza bene dalla febbre. Ha deciso spontaneamente di imbottirsi di tavolette alla propoli e ginseng e di fare gargarismi con OE d’eucalipto per il mal di gola, il che pare lo abbia rimesso in sesto. Potere della bio-influenza (la mia in questo caso), non vi pare? 😀

Continuando sul filone verde, mi è giunta notizia che a casa è arrivato un bel paccozzo da parte dell’e-commerce Bella Naturale (se mi seguite su Instagram, lo saprete già). Si tratta del secondo ordine in tre mesi che faccio da loro e non avendovene ancora parlato, ho pensato di farlo adesso, accorpando le due esperienze in un unico post.

Mia madre (la ricevente in quest’occasione) si è seriamente immedesimata nel ruolo di braccio destro, al punto da occuparsi dello spacchettamento per verificare che fosse tutto OK.

Mi ha poi anche inviato delle foto, che insieme a quelle del primo ordine, fatte a suo tempo da me, condividerò tra un secondo.

Smettiamola dunque con le chiacchiere e veniamo al sodo.

logo287

Sede fisica: Valdagno (VI).

Sito internet: CLICK.

Marche in vendita: Alkemilla, Alma Briosa, Biofficina Toscana, Bjobj, Lakshmi, Natù, PuroBIO… (elenco completo)

Spese di spedizione: sempre gratis (ordine minimo 9,90 euro) (dettagli)

Newsletter: sì.

Rete sociale: FacebookTwitterInstagram.

Blog: .

Campioncini: sì, scelti dallo staff. 

 ✿✿✿

Ordine #01 fatto il: 29/10/15 (giovedì)

Ricevuto il: 10/11/15 (martedì)

Spedito con: Posta prioritaria.

Contenuto & campioncini

PuroBIO Matitone biologico #18 Correttore “Beige aranciato”

Biofficina Toscana Detergente delicato (corpo e igiene intima)

✿✿✿

Ordine #02 fatto il: 03/01/16 (domenica)

Ricevuto il: 12/01/16 (martedì)

Spedito con: Posta raccomandata via corriere SDA.

Contenuto & campioncini

 Alkemilla Ombretto #21 “Ambra”

PuroBIO Matitone/Rossetto #25 “Marsala” (sconto del 15%)

MaterNatura Shampoo alla borragine per capelli chimicamente trattati

Come mi sono trovata: Non vi nego che ogni volta che leggo la dicitura “spedizione gratis”, iniziano a brillarmi gli occhi. Questo perché odio letteralmente (sì, è così) pagare le spese di spedizione. Lo so che non mi renderò molto popolare con quest’affermazione, ma a me quei soldi lì, sembrano quasi buttati. Data l’haul-ite che mi attanaglia, penso sempre sarebbe meglio investirli in un prodotto ennesimo da mettere nel carrello (a meno che la soglia per il free shipping sia esagerata e allora uno è costretto per forza a mettere il punto prima).

Figuratevi che la prima volta che ho acquistato da Bella Naturale, l’importo minimo non c’era nemmeno e quindi ho finito col prendere il correttore di PuroBIO per un totale “senza aggravanti” di soli 7,90 euro.

L’ho ricevuto dopo dieci giorni, il che non mi ha comunque “fatto arrabbiare”, sapendo in partenza che sarebbe stato spedito con posta prioritaria (idee sul perché non le cambino nome visto che di prioritario non ha un’emerita mazza?) e che mi sarei dovuta mettere l’anima in pace. Arriverà quando arriverà (se arriverà 😀 ).

La seconda volta invece, l’ordine è stato spedito tramite raccomandata. Per motivi indipendenti da Azzurra, la gentile titolare dell’e-commerce, arrivato a Frosinone, il pacco è rimasto in giacenza per più di una settimana senza che nessuno abbia saputo spiegarmene il motivo. Sul sito di SDA, il numero di telefono della sede in questione non c’era, bensì un misero recapito fax e naturalmente, dal Giappone, mi è stato impossibile contattarli così. Nemmeno potevo chiedere ai miei di farlo, piantonati a turno com’erano nel mio appartamento, in attesa che questo benedetto pacco, nel frattempo ribattezzato “Godot”, arrivasse.

Aggiungo che sto menzionando questo problema tecnico più che altro per dovere di cronaca. L’intoppo non ha nulla a che vedere con l’e-commerce, essendo un esempio di mal gestione da parte del corriere.

Passiamo ora alle specifiche degli ordini… 

Il confezionamento era assolutamente adatto alle circostanze: una semplice busta per il correttore, mentre una scatola vera e propria per il matitone #25 e l’ombretto, avendo quest’ultimi un packaging più facilmente rompibile. Il primo perché contenuto in un’elegante scatola in cartoncino rigido (un peccato davvero, se si fosse rovinata) e il secondo, perché s’incarna fisicamente in una cialda colma di polvere pressata che può capitare si frantumi, se maneggiata senza criterio. Grazie però alla presenza di un’imbottitura simil pluriball, tutto è rimasto immobile, giungendo a casa in condizioni perfette. I prodotti (che recensirò singolarmente) erano sulla mia wishlist da tempo.

Riguardo i campioncini, quello di Biofficina lo utilizzerò come detergente intimo (sto facendo una quest scrupolosa, sperando di trovare quello perfetto), mentre lo shampoo di MaterNatura (contenuto in una pucciosa bustina a fiori), benché io non abbia (più) i capelli tinti chimicamente, credo varrà comunque la pena provarlo, per via della borragine. È una pianta officinale che, se non ricordo male, possiede proprietà idratanti notevoli, in grado di sigillare le squame dei capelli secchi (a mo’ di silicone per intenderci). Sarà poi un’occasione per prendere confidenza con una marca che non conosco ancora, ma che vedo recensita dappertutto.

Leggerò a tal proposito il catalogo che Azzurra ha incluso nella scatola, insieme a un gadget a forma di sole e gli auguri per il nuovo anno (amore sconfinato per le piccole cose).

Riassumendo allora, se come me, per i motivi più svariati, vi lasciate tentare spesso e volentieri online, Bella Naturale è tra gli e-commerce da cui vi consiglierei di acquistare.

È nato da poco, il che vuol dire che crescerà, arricchendo, pian pianino, la propria offerta.

La domanda finale con cui vi lascio è: voi avete un negozio online di fiducia? Se sì, quale e perché?

Baci!

-Dani ❄️💋⛄️

Annunci

18 thoughts on “Ordine Bella Naturale ✿ Presentazione e-store & review

    1. È stata un’esperienza fighissima. Abbiamo viaggiato super comodi, con confort che meritano davvero questo nome. 😍 Quasi mi è dispiaciuto scendere. In quel modo non mi sarebbe dispiaciuto viaggiare per altre dieci ore. 😂 Di fronte agli stand con gli ekiben poi, mi sarei messa a saltellare, giuro. Alcune scatole era stupende. Ho scelto quella rosa proprio perché messa alle strette da J. A un certo punto, o mi muovevo, o mi muovevo. 😜

      Liked by 1 persona

      1. Ecco la risposta alla mia altra domanda! Dio, falle tante foto!! Io ho assistito a una fatta al festival dell’Oriente, sono passata sotto la gente per esserle davanti, però penso che stare in Giappone e vederla sarà moooooolto più emozionante!

        Liked by 1 persona

      2. Cerimonia in assoluto magica! ✨✨ Purtroppo di foto troppo “in the face” non ne ho fatte, perché c’era talmente tanta solennità nella sala che mi sembrava di risultare cretina e poco rispettosa. L’obiettivo era, prima di tutto, godersi il momento. Gli americani che erano con noi qualche scatto in più lo hanno fatto comunque e me lo manderanno per email. La geisha di un’eleganza unica. 😳 Ci ha anche intrattenuto ballando e suonando.

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...