Labbra e make-up

Recensione #09. PUROBIO ✿ Matitone Correttore #18 “Beige aranciato”

Quick review! (o almeno spero, parlando io sempre tantissimo 😀 )

Di make-up non ho scritto molto finora e quando è successo, non l’ho fatto in maniera entusiastica (= post sui prodotti flop del 2015).

Invertiamo allora la tendenza, approfondendo la mia esperienza con il correttore #18 di PuroBIO Cosmetics.

076 (2).JPG

L’azienda produttrice ✿ PuroBIO è un’azienda italiana che produce cosmetici biologici e si propone di incrementare l’accessibilità al mondo del make-up biologico, attraverso una linea di prodotti completa, versatile, adatta a tutti e dalle mille possibilità di utilizzo. Il laboratorio predilige pertanto ingredienti certificati di alta qualità, in sostituzione di sostanze nocive quali siliconi, petrolati, parabeni e conservanti sintetici. I principi attivi utilizzati sono di origine vegetale e minerale. Tutti i cosmetici sono poi nickel tested e gluten free.

Descrizione del prodotto ✿ “Correttore con toni medi bilanciati di arancio e rosa, dalla mina morbida e altamente sfumabile, ideale per occhiaie e macchie cutanee scure”.

✿ INCI 

 OLUS OIL (emolliente) 
 OCTYLDODECYL STEAROYL STEARATE (emolliente / viscosizzante)
 C10-18 TRIGLYCERIDES (emolliente / solvente )
 COPERNICIA CERIFERA CERA* (emolliente / filmante)
 GLYCINE SOJA OIL* (emolliente / profumante / condizionante cutaneo)
 PRUNUS ARMENIACA KERNEL OIL* (emolliente)
 HYDROGENATED VEGETABLE OIL (emolliente )
 MICA (opacizzante)
 CANDELILLA CERA (emolliente / filmante )
 POLYGLYCERYL-3 DIISOSTEARATE (emulsionante)
 GLYCERYL CAPRYLATE (emolliente / emulsionante )
 TOCOPHERYL ACETATE (antiossidante)
SORBIC ACID (preservante)

(*ingredienti biologici)

Potrebbe contenere:

 CI. 77891 (colorante cosmetico)
 C.I. 77492 (colorante cosmetico)
C.I. 77491 (colorante cosmetico)
C.I. 77499 (colorante cosmetico)

(Fonte di riferimento sulla natura degli ingredienti: IN-GREDIENTS).

Aspetto ✿ Matitone di colore beige aranciato, dalla punta mediamente morbida e perfettamente scrivente. L’impugnatura è comoda, il che permette una stesura facile del prodotto. La mina va affilata con i classici temperini a doppio foro (uno per le matite più piccole, uno per quelle più grandi).

Confezione ✿ Non vorrei sbagliare, ma non ricordo la presenza di nessuna scatola. Il matitone, dalla grafica nera con scritte bianche ben leggibili, è più semplicemente provvisto di un tappo di plastica trasparente a protezione della mina.

PAO ✿ 18 mesi.

Certificazioni: Cosmetici biologici, Vegan OK e Nickel Tested.

Acquistato da Bella Naturale * post sullo spacchettamento.

Prezzo ✿ € 7,90. 

✿ Cosa ne penso ✿

PuroBIO è senz’altro famosa per i suoi matitoni, per cui lanciando due correttori sul mercato dal formato “a punta”, non ha fatto altro che confermare un trend aziendale di successo.  

Sono certa che conosciate già in molte la nuance #18, aranciata e adatta per coprire, in modo particolare, le occhiaie.

Che cosa amo in particolare di questo prodotto?

È presto detto:

  1. Il colore a cui ho appena accennato, il quale ha la caratteristica di adattarsi perfettamente al mio tipo di incarnato (chiaro, ma ho letto recensioni di ragazze dalla carnagione mediterranea che si dichiarano ugualmente soddisfatte);
  2. La consistenza, morbida e scrivente, senza risultare pastosa;
  3. La facilità d’applicazione. Non farete, infatti, nessuna pressione eccessiva sul contorno occhi durante la stesura del correttore;
  4. La capacità di illuminare. Basta pochissimo prodotto per dare luce allo sguardo;
  5. La coprenza, che definirei medio-alta, pur garantendo un aspetto naturale alla vostra base (io ho occhiaie che definirei “regolari”, non troppo marcate);
  6. La durata. Non occorre temperare il matitone dopo ogni applicazione. La mina scriverà ancora e ancora. Io riesco ad allungare tranquillamente fino a 4/5 applicazioni prima di affilarla;
  7. La durata bis o tenuta che dir si voglia. Parliamo di circa 8 ore (in inverno. In estate spero altrettante) e dunque, di un prodotto altamente performante;
  8. L’INCI ben formulato. È fondamentale che un correttore lo abbia, venendo applicato sul contorno occhi, un’area soggetta alla creazione di grani di miglio.

Io applico il correttore disegnando letteralmente dei tratti sul viso (zona occhiaie e limitrofe, angolo interno dell’occhio), procedendo poi a sfumarlo con un concealer brush. Preferisco questo strumento ai semplici polpastrelli perché mi permette di lavorare e sfumare meglio il colore.

Sono poi solita – o meglio, lo ero – fissare il correttore con il metodo del baking/cooking. Lo avete presente? In pratica, dopo aver applicato il correttore, si tampona l’area interessata con abbondante cipria (bianca o trasparente) la quale, dopo cinque minuti di “cottura”, va elimina con l’ausilio di un pennello.

È una tecnica che con i correttori non ecobio funzionava benissimo e che impediva il creasing (l’insorgenza di crepe/pieghe), mantenendo tutta l’area del contorno occhi perfettamente truccata e liscia (nulla di più brutto di un correttore che finisce nelle pieghette. Siamo sullo stesso livello dei rossetti che si appiccicano sui denti — > odio puro).

Con il matitone di PuroBIO, ho scoperto invece che non serve. La cipria finisce con l’assorbire voracemente tutti gli oli che lo compongono, favorendo, anziché impedendo, la formazione del creasing, andando anche ad evidenziare le rughe d’espressione. Le ventenni molto probabilmente non dovranno preoccuparsi di questo inconveniente, mentre noi trentenni sì e per questo, se siete delle mie coetanee, vi consiglio di applicare e sfumare il correttore per bene e applicare soltanto un velo di cipria leggerissimo, per fissarlo meglio, aumentarne ulteriormente la durata e opacizzare quella data zona del viso, qualora ne aveste bisogno.

Buon fine settimana,

-Dani ❄️💋⛄️

Annunci

25 thoughts on “Recensione #09. PUROBIO ✿ Matitone Correttore #18 “Beige aranciato”

    1. Ho un programma di recensire anche il #19, così avrai un quadro completo sui due prodotti. 😃
      Scherzi? Procedi pure con il calendario lunare. Io devo fare ancora un paio d’inserti al riguardo, ma difficilmente parlerei di plagio. 😉 Anzi, mi fa piacere se ne parli perché è un argomento che mi interessa molto. Ora che sono in giro sto lavando i capelli un po’ come capita e sono tornati in parte ispidi, crespi. Nonostante i prodotti con inci buono. Ulteriore conferma di quanto facessi bene a seguirlo scrupolosamente fino a dieci giorni fa, insomma. 😘

      Liked by 1 persona

      1. È sempre correttore? 😄👍
        Thank you very much 😊 vediamo cosa trovo e “confrontiamo le conoscenze” XD è difficile attenersi scrupolosamente, o meglio non riesco a seguire quello che vorrebbe lui. Metti gli impegni, metti la condizione dei capelli, metti tante altre cose relative agli altri aspetti che cura il calendario e non riesco ad andare di pari passo :/

        Liked by 1 persona

      1. Sì, perfettamente d’accordo. io il fondo lo utilizzo in giornate speciali ma avendo sottotono rosa uso la n1 e mi ingiallisce troppo. ho chiesto alla casa se mai faranno quelli per sottotoni rosa porcellino e nn mi hanno dato molte speranze xD

        Liked by 1 persona

      2. Io ho il #3 (nonostante sia piuttosto chiara di carnagione) ma l’ho scelto un po’ “a caso”, confrontando gli swatch online. Non sono convintissima che sia il colore per me, ma non so se sia un problema di sottotono. Nel senso, come si capisce se è rosato o giallo? Nemmeno di armocromia capisco una mazza poi… 😑😑

        Liked by 1 persona

      3. ahaha fondamentalmente si capisce a tentoni ma se ti vedi sempre grigia o itterica con qualsiasi fondo allora hai un sottotono rosa…prova con le minitaglie della neve di fondo prendi la light rose e la light neutral in base a quelle puoi capire il tuo sottotono testandoli su di te senza spendere una fortuna (vai anche in una bio profumeria dove hanno neve, provali entrambi sul collo e da li capisci xD)

        Liked by 1 persona

      4. Ah! Ottimo consiglio, grazie mille. Direi allora che, a tentoni, ho un sottotono giallo, perché grigia non mi vedo mai. Ma rientrata in Italia, farò senz’altro la verifica con i prodotti della Neve. 😀

        Liked by 1 persona

    1. Ho una curiosità pazzesca nei confronti del Couleur Caramel! Voglio però vedere i colori in bioprofumeria prima di azzardare l’acquisto perché con quello della SO’Bio étic ho purtroppo toppato.

      Il matitone non è eccessivamente idratante, ma ha comunque il pregio di non finire nelle pieghette. Io ho qualche ruga d’espressione che inizia a palesarsi e ho scoperto con sollievo che non me le evidenzia minimamente. 😀

      Mi piace

      1. Il C.C. in quanto a idratazione è eccezionale :mrgreen: , fai bene a provarlo perché va visto in dosso per esser sicuri di trovare la tonalità giusta per neutralizzare le proprie occhiaie! Ad esempio su di me lo 08 fa un buon lavoro anche se è leggermente chiaro, mentre su una mia cara amica no, per cui per lei ho scelto lo 07, che neutralizava molto meglio le sue! 😉
        Ok, grazie 1000 per info! 😀

        Liked by 1 persona

    1. Ciao, mia carissima omonima. 😀 Grazie per i complimenti (sono sempre bene accetti, hahah) e per esserti fermata a leggere i miei articoli. La cosmesi ecobio è un argomento che mi appassiona e che vorrei condividere con quante più persone possibile attraverso questo canale. Il tuo blog mi sembra molto interessante e tra un attimo cliccherò su “iscriviti”. Un saluto! ❤

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...